Dialogo tra Fabrizio e un amico

Pubblicato: luglio 27, 2012 in Dialoghi
F: «Ciao»
A(Amico): «aò! Bella! Chessedice?»
F: «Bah, niente di che… Ah, hai mica letto il mio racconto?»
A: «Ah sì sì, da paura!»
F: «piaciuto?»
A:(e mo che cazzo gli dico? Io lo volevo pure leggere stavo per cliccare il link solo che poi mi sono accorto che appena dopo c’era quello del filmato di una pischella americana che spaccava i meloni con le tette e alla fine mi sono dimenticato. Sparerò una minchiata a caso speriamo di indovinare) «Eh sì sì bello, mi ricordi un po’ Camilleri…»
F: «…» (Camilleri?!)
A:«Sì, non dico negli argomenti, ma nello stile, un po’ nelle descrizioni»
F:«…»
Due settimane dopo
A:«Aò! Bella Fabbrì! Ah, ho letto il tuo racconto»
F:«Ma non l’avevi già letto? Non sembravo Camilleri?»
A:(Merda mi ero dimenticato)«No, no adesso l’ho riletto MEGLIO»
F:«E quindi che ne pensi?»
A:(Bè a parte il pezzo in cui la nonna di Mario cerca di sgozzare un alligatore con una katana il resto era abbastanza una merda) «Fighissimo! Ma hai scritto solo quello?»
F:«Ma veramente… Tu l’hai letto sul blog, no? Di fianco ci sono i collegamenti a tutti gli altri racconti»
A:«Ah ok ok allora stasera guardo meglio perchè li voglio leggere» (sempre se non esco e sempre se i server di zozzemaiale.com sono ancora giù come ieri, altrimenti col cazzo che leggevo il tuo racconto… scusa eh Fabbrì ma gli amici sono amici ma la fregna è fregna)
F:«Sai, mi farebbe piacere se qualcuno lasciasse qualche commento. Un’opinione, buona o cattiva che sia, serve sempre. Per avere un riscontro su cosa funziona e cosa no. Non è che dopo aver letto se ti va mi lasci due righe sul blog?»
A:(Ma che stai a scherzà? Commenti? Io lo so cosa succede a chi commenta. Tu fallo, anche una volta sola, e sei fottuto. Boccione una volta mi ha detto che ha commentato un blog di finanza e sotto casa sua si è radunata una piccola folla formata da uno del recupero crediti, due seguaci della chiesa Marcionita, un venditore del folletto e tre falsi cugini che chiedevano soldi per dar da mangiare alle figlie. A Fabbrì, manco se mi paghi!) «Eh sì dai, vedo»
F:«Eh perchè non commenta mai nessuno»
A:(Te credo! Già commentare un blog è rischioso, ma farlo su uno vuoto o quasi è SACRILEGO. Non voglio mica andare in giro per strada e vedermi additato dalla gente. “Ehi guardate quello, ha commentato un blog vuoto!” “mii, che sfigato”) «Massì daje Fabbrì vedrai che commentano, e se non commentano ciccia ar culo!»
Più tardi
Mister Flinn è un omino vestito da lord inglese. Di solito lo trovo nei bagni dei locali, la sera, appeso agli specchi o seduto sui lampadari. Ha la pessima abitudine di sbattermi in faccia la dura realtà. Oggi lo incontro mentre cammino verso casa
MF:«E vai più piano, io devo correre per starti dietro»
F:«Non ti ho mica chiesto di seguirmi, mister Flinn. Mi stavo lamentando con un mio amico del fatto che nessuno commenta i miei racconti sul blog»
MF:«Probabilmente perchè fanno cagare»
F:«Ma mia zia ha detto che le piacciono»
MF:«Ha commentato?»
F:«No. Eppoi c’è questa strana cosa delle visite al blog dagli stati uniti e dal canada. Ma che ci vanno a fare americani e canadesi su un blog di racconti in italiano?»
MF:«Per loro è più facile, almeno non capiscono cosa scrivi…»
F:«Mister Flinn, vedi di annattenempoaffan…»
FINE
365 commenti—–
Akira80 scrive “Bravo, bello il racconto, la nonna di Mario è ben descritta”
Gio1978 scrive “Bello un cazzo, devi morì te e la nonna de Mario. E pure Mario”
AndreaP. scrive “A stronzi io sono sul serio cugino di Boccione”
Vanessabluesky scrive “Io dopo aver letto questo stralcio di vita vissuta mi sono convertita alla chiesa marcionita”
DeadKing93 scrive “Vanessabluesky ma te eri mica domenica all’ippodromo delle capannelle a sentire i Blast Dead Zombie? Perchè ho conosciuto una Vanessa che c’aveva un tatuaggio di un cane zombie sull’inguine ma mi sono perso il numero di telefono. Se sei te sei troppo figa, rispondi, io ero Paolo quello di Civitavecchia con la maglietta dei Tokio Hotel”
Leggi gli altri commenti

Annunci
commenti
  1. steeve ha detto:

    grazie a tor funziona tutto. comunqe leggendo il tuo racconto mi sono piegato in tre parti dal ridere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...